Chi è senza peccato scagli la prima pietra…a sé stesso…

Terzo post nel giro di una settimana…cazzo sto scrivendo un sacco in questi giorni. Le cose sono due: o sono molto ispirato oppure non ho un cazzo da fare. Provate a indovinare 😛

AnubiCome già detto più volte, ultimamente le cose non è che mi stiano andando granché bene…lavoro, vita privata, quando vado a fare la spesa mi fanno pagare tutto. Cazzo, offrimela qualche cosa ogni tanto, dopo tutto io sono ospite nel tuo supermercato, che trattamento è mai questo?!?
Figuratevi che ho anche pensato di andare in chiesa, non che io creda, ma vorrei fare quattro chiacchiere con quello che sta lassù e che da le carte. Il problema è che mi ritroverei a dovergli spiegare tutte le volte che l’ho chiamato attribuendogli un aggettivo da quadrupede…e non sarebbe carino.

Blasfemia a parte, in questo periodo in cui le cose magicamente hanno iniziato ad andare di merda io ho iniziato a dare colpe a tutti quelli che mi stavano attorno. Davo colpe a certi coglioni con cui lavoro, ai vicini di casa che scopano urlando, alla città di merda in cui vivo, alle persone ancora più di merda che abitano questa città e così via.

Una cosa però non ho mai fatto. Non ho mai dato nessuna colpa a me. Pensavo di essere sempre nella ragione, che gli altri sbagliassero e questo mi ha fatto sentire sempre più frustrato giorno dopo giorno. Poi l’illuminazione.hate_you_all

Darsi delle colpe è difficile. Forse è la cosa più difficile di tutte. Credo che sia ancora più difficile che rispondere ai “Perchééé???” dei bambini.

E infatti siccome io non sono fatto per le cose difficili, non mi sono dato colpe, ma ho iniziato a non colpevolizzare più le persone attorno a me.

Sono partito dal presupposto che se qualcuno cerca di sminuire chi gli sta attorno è perché ha delle forti mancanze dentro di sé. Quindi perché colpevolizzare gli altri e non iniziare a riempire quel vuoto?

E poi soprattutto se uno nasce coglione che colpa ne ha 🙂

Charles Bukowski diceva “La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto”.

Poi è arrivato Lorenzo Cherubini con il più grande spettacolo dopo il Big Bang.

BookIo non sono uno scrittore e nemmeno un cantante (e forse nemmeno Lorenzo…)*. Mi considero uno dei tanti che cerca di fare quello che lo fa sentire bene, sperando di far sentire bene anche qualche altra persona, e regalando un paio di sorrisi qua e là. In ogni caso, magari in un’altra vita parallela e lontana, se fossi o fossi stato uno scrittore probabilmente avrei scritto una cosa del genere:

”…e solo quando smisi di odiare le persone per quello che non erano o non potevano essere, e cominciai invece ad apprezzarle semplicemente per quello che erano, iniziai a vivere!”

Pindaro 2.0

*Scherzo, mi piace un sacco Lorenzo 😀

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s